Intenso

Eravamo io e lui. Soli.

È stato uno degli attimi più intensi della mia giovane vita.
Era il nostro momento. Il momento giusto per dimostrare a tutti che, nonostante le difficoltà, la distanza, ma soprattutto i nostri caratteri così diversi, il sentimento vince. Sempre.

No, non sono mai stata la romanticona della situazione. Anzi…
Prima di conoscere Lui, non sapevo nemmeno cosa significasse l’espressione “SII ROMANTICA!”.
Ho sempre pensato fosse una cosa per i deboli. Per quelle persone che non sono in grado di mostrare i loro sentimenti con cose semplici, perchè considerate banali e scontate. Per quelle persone che amano essere plateali. Per quelle persone che vogliono mostrare al mondo quanto la loro relazione (ovviamente) imperfetta, sembri  essere la storia d’amore di una commedia romantica.
A me non è mai importato molto, il dover (o voler) mostrare agli altri, quanto e come sono in grado di amare.

L’amore è una sfera privata della vita di ognuno di noi. Non è giusto che tutti vi abbiano libero accesso! È qualcosa che va vissuto nel profondo. Nei piccoli gesti. Da un semplice bacio del buongiorno, passando per qualche complimento e (anche) qualche litigio fino a quando cala il sole, per poi stare fianco a fianco nel letto e amarsi fino all’alba.

A cosa serve mostrarsi romantici, ogni giorno, in tutto questo?

Ci saranno giorni in cui la coppia si incupirà dinanzi all’ira di uno dei due amanti.
Ce ne saranno altri in cui essa tremerà per i brividi che il contatto tra i due corpi scatenerà.
Ci saranno momenti bui. Ma essi verranno spazzati via, come cenere al vento, da ogni singolo momento di gioia e tranquillità.

Più che aver bisogno di “romanticismo”, ci sarebbe bisogno di più rispetto per le differenze.
Bisognerebbe affrontare la realtà: l’altra metà della mela, non esiste!
Non esiste.

Logicamente, ci sono persone in grado di farci sentire bene, e altre ci fanno stare male. Peccato che in una relazione, quasi ogni giorno, la persona al nostro fianco ci fa viaggiare tra il Paradiso e l’Inferno.
Verrebbe da dire che il Purgatorio sia il posto più bello per incontrarsi!

E io sono in Purgatorio. Con lui.

Siamo due amanti che si lasciano andare di fronte ai piaceri della carne, dopo essersi strappati i vestiti di dosso in seguito a una lite.

Siamo talmente opposti, che alcuni ci definiscono come l’acqua con il fuoco. A me non piace come metafora. L’acqua sovrasta il fuoco, spegnendolo completamente.
Preferisco immaginarci come il mare e la roccia. Come un’onda che si scaglia violentemente contro la pietra, ma essa tiene duro al punto da far tornare in sé quella massa di acqua che ha osato sfidarla! Eppure la roccia rimane lì. Lotta contro le acque del mare. Ma non va via da lui. Affrontano insieme le tempeste, nonostante siano così diversi.
E con lui, io mi sento così: oggi sono la sua roccia; domani sarò il suo mare.

Ogni momento insieme è intenso.
Ogni giorno lontana da lui è intenso.
Ogni carezza, ogni bacio, ogni sguardo è intenso.

Lui è intenso.

O più semplicemente…
L’Amore è Intenso.

Reth.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...